Umbria, Conte ignora gli elettori: “Voto non conta”; Salvini: “Arrogante”

Il premier Conte dopo la sconfitta di ieri in Umbria sembra non perdere il buon umore e cita il brano di Modugno “Meraviglioso”. 

Arrivando all’evento promosso da Poste Italiane “Sindaci d’Italia”, a chi gli chiede se si senta messo in discussione il presidente del Consiglio risponde: “Ho il cielo, il sole, il mare”. 

Ieri sera sia Giorgia Meloni che Matteo Salvini, commentando il trionfo del centrodestra alle regionali umbre, hanno sottolineato che “il governo è minoranza nel Paese”.

E’ un voto che ha anche una valenza nazionale. Conte continua con la sua arrogante distruzione dell’Umbria”, dicendo che ha votato piccola percentuale. Sbagliare è umano, perseverare diabolico”. Così Salvini replica al premier. 

“Chi semina tradimento raccoglie tradimento”. Il voto è anche una risposta a “quell’improvvisato CdM” e anche alla foto di Narni con Conte, Zingaretti, Di Maio e Speranza. “In democrazia conta il voto. Se quello che scrive l’autorevole Financial Time fosse solo parzialmente vero Conte
deve correre a riferire in Parlamento”.

Il voto in Umbria “è un test da non trascurare affatto”, ma “noi siamo qui a governare con coraggio e determinazione. Il nostro è un progetto riformatore per il Paese”, ha detto il premier Conte a margine del convegno “Sindaci d’Italia”, organizzato da Poste Italiane.

Un test regionale non può incidere. Se non avessimo coraggio e lugimiranza sarebbe meglio andare a casa tutti”, ha puntualizzato. In conclusione, il premier ha nuovamente ribadito: “Dobbiamo avere consapevolezza che sono piani diversi, uno nazionale e uno regionale”. (www.rainews.it)

Un commento

Rispondi