Sea Watch, la nave di Rackete sbarca in Italia 119 clandestini: assegnato porto di Taranto

“L’Italia assegna a Sea Watch il porto sicuro di Taranto. La gioia a bordo è inspiegabile, così come il nostro sollievo. Auspichiamo di arrivare presto ad un meccanismo di sbarco e di redistribuzione automatico senza sporchi accordi con la Libia. Avanti!”. Lo fa sapere Sea-Watch postando il commento sul suo profilo Twitter.

Senza avere alcun mandato popolare e avendo perso tutte le elezioni, il governo Pd-M5s prende decisioni antitetiche a quelle votate dal popolo sovrano. Superfluo aggiungere che un governo tale andrebbe sconfitto per via democratica tornando il prima possibile alle urne. L’accordo di Malta, oltre ad essersi dimostrato un clamoroso flop, non piace alla stragrande maggioranza del popolo italiano. Il commento sarcastico di Francesca Totolo: “Pronta la rotazione dei porti: Sea Watch sbarcherà a Taranto i 119 migranti”.

Condividi!

Rispondi