Matteo Salvini rilancia: ‘Ridiscutere vincoli europei e abbassare le tasse’

Non che manchino le polemiche, al solito, come siamo abituati da alcune settimane ormai. Ma le idee per il futuro ci sono e vanno nella stessa direzione. Tra le prime cose da fare dopo le europee il capitolo tasse sarà uno dei primi da affrontare. Molto, però, dipenderà proprio dall’esito del voto del 26 maggio.

«Se gli italiani ci danno forza col voto del 26 maggio, sono convinto che riusciremo a ridiscutere i vincoli europei per abbassare le tasse e rilanciare il lavoro in Italia. Spero che gli amici dei 5Stelle, come previsto nel contratto, sostengano questa battaglia di giustizia fiscale», ha detto a tal proposito il vicepremier leghista Matteo Salvini.

Da parte sua anche l’altro vicepremier, Luigi Di Maio, ha assicurato un intervento di questo tipo, in particolare sul cuneo fiscale. A destare qualche grattacapo nelle ultime ore, però, è lo spread, tornato su livelli piuttosto alti. «Stanno tentando gli ultimi colpi di coda perché hanno capito che l’Europa può cambiare, quindi usandolo spread per intimorire», ha risposto Salvini ai giornalisti a San Severo che gli chiedevano se fosse preoccupato per tale aumento.

Di analogo avviso il premier, Giuseppe Conte, arrivando al Forum della Pubblica amministrazione: «Non posso non confidare che lo spread scende sempre più in basso. Lo stiamo seguendo, monitorando. Questo non significa che adesso dobbiamo essere ossessionati dall’indice spread».

Fonte: La Meta Serale

Rispondi