Salvini evita l’abbraccio mortale: “Nessun avvicinamento Lega a PPE”

Nel nuovo libro di Bruno Vespa Perché l’Italia diventò fascista (e perché il fascismo non può tornare), in uscita nei prossimi giorni per Mondadori/Rai Libri, Matteo Salvini nega nella maniera più perentoria un possibile avvicinamento della Lega al Partito Popolare Europeo, tanto caro alla signora Merkel.

D: “E’ realistico un avvicinamento della Lega al PPE?
R: “No. Comunque sono curioso di sapere se il partito si sposterà su posizioni più vicine a quelle di Orbàn rispetto a quelle della Merkel”.

A Vespa che gli domanda se Alberto Bagnai e Claudio Borghi abbiano esagerato nello spaventare l’Europa con le loro dottrine anti-euro, “hanno entrambi idee condivise da tanti economisti e premi Nobel – sottolinea il leader del Carroccio – ma nessuno di noi mette in discussione l’appartenenza all’UE e non sono immaginabili scelte unilaterali sulla moneta, anche se non c’è dubbio che l’euro abbia favorito la Germania e danneggiato l’Italia. Stiamo cambiando le regole mettendo al centro il concetto di sovranità nazionale”. (Il Tempo)

Condividi!

Un commento

  1. Salvini..ha fatto di molto bene..a non abbracciare il P.P.E…(sperando che sia una notizia vera,..perchè, vero, gli italiani ..poveri cristi..continuano essere traditi da chi dovrebbe tutelarli )…

Rispondi