Rieti, gruppo di nigeriani occupa il cimitero, sindaco: “Hanno oltraggiato i morti”

RIETIUn gruppo di nigeriani si è barricato per protesta nel cimitero di Rieti, fino alla tarda serata. Sono intervenute le forze dell’ordine. La vicenda è avvenuta a partire dal tardo pomeriggio a Rieti.

Un passo indietro. Ad agosto, un giovane nigeriano, di 25 anni, è morto. Nessuno, a Rieti, si è presentato in qualità di parente e la salma del ragazzo è rimasta all’obitorio. Quindi, il Comune, ieri, ha provveduto, a sue spese, alla sepoltura del nigeriano nel cimitero di Rieti.

Ma, successivamente, si è presentata una donna che si è dichiarata sorella del giovane deceduto: ha spiegato che era cattolico e che doveva esserci un funerale secondo quanto previsto dalla fede religiosa. La salma, nel frattempo, era stata sepolta. Il gruppo di stranieri, dal pomeriggio, ha iniziato la protesta, nel cimitero.

L’intervento del sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti, non si è fatto attendere:

Rispondi