Prodi confessa: “Avevo il compito obbligatorio di privatizzare”

Privatizzazione IRI. Romano Prodi, ex premier ed ex commissario europeo, intervistato da Lucia Annunziata a Otto e mezzo, ammette: “Il compito obbligatorio che mi diede Ciampi per tutti i nostri riferimenti europei, era di privatizzare. Bisognava – sottolinea – Si immagini lei se ero così contento di disfare le cose che avevo costruito. Ma bisognava farle per rispondere alle regole generali di un mercato in cui noi eravamo. E questo non era sempre un compito gradevole, ma l’abbiamo fatto come bisognava farlo”.

Una studentessa dell’Università di Bologna lo fece praticamente a pezzi: “Lei ha svenduto il nostro futuro, ma in cambio di cosa lo ha fatto?”.

Per il giornalista Paolo Barnard, “Prodi è un sicario che ha distrutto le imprese italiane”.

Condividi!

Rispondi