Poliziotto rivela: “Sbarcano criminali tunisini, purtroppo nei Tg non se ne parla”

“Sono stato nei giorni scorsi aggregato in Sicilia, tra Agrigento e Lampedusa per l’ emergenza sbarchi – riporta Manuel Cantelli nella lettera denuncia spedita a Il Tempo – Non sono un poliziotto di primo pelo e credo di aver visto un po’ di tutto, ma nonostante ciò la situazione che mi si è presentata mi ha sconcertato. Ogni giorno sbarcano sulle coste italiane centinaia di persone, alcune con le loro imbarcazioni, molte di loro accolte da una sorta di comitato di benvenuto li ha riforniti di viveri e dopo una bella pacca sulla spalla, con un cordiale arrivederci, li hanno lasciati liberi di andare dove volessero. Proprio così, liberi nel nostro Paese. Roba da non credere”.

Ebbene “queste persone, questi giovani, non sono profughi e non fuggono dalla guerra, ma sono galeotti tunisini che di certo non vengono qui per fare gli operai in fabbrica”, ammette.

“Abbiamo messo in piedi una macchina dei soccorsi enorme – racconta nella lettera – a Lampedusa c’è uno spiegamento di forze incredibile, mezzi e uomini di tutti i reparti, dalla Protezione Civile alla Croce Rossa, dai Vigili del Fuoco a tutte le Forze dell’Ordine; aerei, navi, traghetti, tutti dediti all’accoglienza, tutti preoccupati a fornire un servizio a 5 stelle a questi signori, che tutto sono tranne che pacifici turisti”.

“Nella maggior parte dei casi si tratta persone senza ritegno alcuno, senza alcun rispetto delle nostre regole, delle nostre leggi, della nostra civiltà e purtroppo nei Tg non se ne parla, come se quello che succede a Lampedusa debba essere tenuto nascosto”, conclude. (Il Giornale)

Un commento

Rispondi