Pisa, sindaco leghista aiuta i bimbi italiani, protesta il Pd: “Discriminatorio”

PISA — La giunta comunale di centrodestra ha ideato un nuovo criterio per regolare gli accessi agli asili: dare la precedenza alle famiglie che sono residenti in città da più tempo. Il sindaco leghista, Michele Conti, infatti ha deciso che dal prossimo anno, come scrive globalist.it, il criterio della storicità di residenza sarà vincolante nelle graduatorie che permettono di accedere alla scuola materna.

Questo criterio è stato approvato nei giorni scorsi e inserito dalla giunta nel Documento unico di programmazione collegato al bilancio comunale. Tale documento sarà discusso in consiglio il 19 dicembre. E l’opposizione guidata dal Partito Democratico ha già annunciato battaglia, parlando (spudoratamente, ndr) di “criterio discriminatorio” e di “slogan sovranista“.

L’idea anche di regolamentare gli accessi agli asili comunali tramite il criterio della residenza da maggior tempo, non è un caso isolato o una novità assoluta per una giunta che applica norme di questo tipo. Il criterio della residenza, infatti, viene utilizzato a Pisa anche per l’emergenza abitativa. Rientra nel programma che l’attuale sindaco leghista aveva già prospettato ai pisani in campagna elettorale. E adesso lo sta attuando.

Tutta la delusione della sinistra pro-migranti: “Ecco cosa succede nella Pisa finita in mano alla Lega… Leggete qui”. Per la sinistra è “anormale” che un sindaco faccia anzitutto gli interessi dei connazionali. Siamo al paradosso.

Condividi!

3 commenti

  1. Ottimo scelta signor sindaco. Io credo che comunque tutti abbiano diritto ad accedere ai vari servizi che vengono offerti nelle nostre città, anche gli stranieri ma non si capisce perché loro debbano avere sempre il diritto di precedenza a discapito dei cittadini italiani così come vorrebbero fare le sinistre e non solo loro. Chi ha i requisiti accede chi no non accede punto. Inoltre cari compagni ogni tanto sarebbe bello che vi ricordaste che purtroppo qui in Italia ci sono già fin troppi cittadini che vivono in uno stato di gravi difficoltà economiche e che meriterebbero veramente un occhio di riguardo, e pazienza se sono cittadini italiani da generazioni…

    1. Hai perfettamente ragione sarebbe ora di finirla con questa sinistra che pur di essere buonisti a tutti i costi. Sono razzisti nei confronti di loro stessi

Rispondi