Pd-M5S, prof. Sinagra: “Sono solo dei buffoni ontologici”

di Augusto Sinagra

È di queste ore la notizia di una scorta incaricata di garantire la sicurezza della Senatrice Liliana Segre. Ricordo di avere pubblicamente espresso profondo rispetto e umana solidarietà alla Senatrice, e ora riconfermo l’uno e l’altra.

Devo tuttavia dire che non vi era e non vi è alcun motivo che giustifichi la detta misura di protezione e non soltanto perché è stata accertata la balla dei duecento insulti quotidiani rivolti alla Senatrice, ma soprattutto perché a nessuno verrebbe in mente di muovere un dito contro questa veneranda Signora. Chi dice il contrario dice consapevolmente il falso.

Perché questo allora? Evidentemente per creare una falsa emergenza ed una infondata urgenza: da un Fascismo risorgente ad un (inventato) razzismo dilagante. Lo si fa pensando di accreditare un inesistente sentimento di “livore”, di “avversione” o di “ripugnanza”, ecc., che è servito per immaginare una “Commissione dell’odio” più cretina che inverosimile.

Serve per far credere ad uno stato di emergenza che da un canto nasconda i ridicoli insuccessi e i danni che provoca il governo in carica (frutto di una unione immonda), e d’altro canto giustifichi la adozione di misure sempre più repressive che, unitamente alla voluta e programmata invasione di genti straniere, annichiliscano del tutto non solo i diritti civili e politici ma anche i diritti sociali ed economici dei cittadini.

Sono misure volutamente rivolte a creare uno stato di soggezione e di paura permanente. Possiamo rispondere in un solo modo: non abbiamo paura. E ancora una volta cito la “Repubblica” di Platone: “La saetta gira, gira, torna in culo a chi la tira”. È questa gentaglia che dovrà un giorno – che sarà presto a venire – avere paura delle inevitabili reazioni alla loro imbecillità, tracotanza, arroganza, corruzione e tradimento degli interessi dello Stato. Non ci fanno paura, ci fanno ridere e ci fanno ridere per la loro stessa e sola esistenza: sono solo dei buffoni in senso ontologico.

Condividi!

Rispondi