“Odio Salvini e i razzisti”: la frase dell’insegnante scatena la rivolta degli alunni

“Ragazzi, sappiate che odio i razzisti e Salvini”. È stata questa la frase con la quale una supplente si sarebbe presentata in una classe di studenti del 1° anno dell’Itsos di Via Masaccio a Cernusco sul Naviglio, nel Milanese. Nessuna domanda ai ragazzi sulla scuola e sull’avventura che stanno per intraprendere, nessuna battuta per rompere il ghiaccio. Prima di tutto la politica. La vicenda, riportata dal quotidiano La Gazzetta della Martesana, si sarebbe verificata la scorsa settimana.

La professoressa era stata chiamata a coprire uno dei tanti “buchi” che spesso si verificano ad inizio anno, quando si organizzano orari delle lezioni. Il suo pensiero espresso così pubblicamente, però, non è andato giù a molti studenti che una volta tornati a casa hanno riferito l’accaduto ai genitori.

Qualcuno, per evitare problemi, ha preferito sorvolare. Altri, invece, hanno vivacemente protestato. Un papà ha affermato di continuare a credere che la scuola sia un luogo di insegnamento nel quale ci si può anche confrontare sui vari temi ma nessuno “dovrebbe insegnare a mia figlia ad odiare qualcuno”. […]

[…] Il consigliere regionale della Lega, Riccardo Pase, parla di un fatto di una gravità inaudita perché una persona che si dovrebbe occupare della formazione dei ragazzi non dovrebbe parlare di politica in questo modo, veicolando messaggi d’odio. L’educazione civica “servirebbe prima ai docenti”, ha concluso il consigliere leghista. Anche a molti studenti non è piaciuto il comportamento della supplente perché in classe bisogna rispettare le opinioni di tutti. (www.ilgiornale.it)

3 commenti

  1. queste persone che si arrogano il diritto di dire e di fare quello che vogliono meritano una giusta punizione e la sospensione definitiva del posto di lavoro per incapacità –

  2. Purtroppo gli odiatori di professione sono più razzisti del peggior razzista. Perché il razzista non è solo chi odia qualcun altro per il colore della pelle, ma anche chi esprime parole di odio e disprezzo per chi la pensa in modo diverso. Tra l’altro, Salvini, non è affatto razzista, ha solamente cercato di difendere, da ministro della Repubblica, il proprio paese da un invasione senza precedenti, visto che l’Europa ci ha completamente abbandonato. Salvo ricordarsi di noi quando deve imporci qualche assurdità o di non superare di qualche decimale il deficit pubblico.

Rispondi