Migranti, vescovo Mogavero: “Il dialogo con Salvini è difficile”

“Non credo sia facile dialogare con lui”. Il Vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero, risponde in un’intervista al Corriere della Sera, all’invito al dialogo col leader della Lega Matteo Salvini, lanciato dal Cardinale Camillo Ruini.

“Lo incontrerei volentieri. Figurarsi, volevo incontrare Gheddafi, lui è meno impegnativo. Ma con lui si può al massimo parlare. Non credo lasci aperti margini di confronto. O sei con lui o contro” spiega mons. Mogavero. “Non penso che il popolo di Salvini sia il popolo cattolico. Anche se è fatto di cattolici”.

“Si professa tale, ma non lo è. Sia per il rapporto con i migranti, sia nel dialogo con le altre religioni. Non basta brandire rosari e croci per definirsi cattolici”. “Vorrei sapere quale Vangelo usa. Dove trova scritto “rimandiamoli a casa loro”, “aiutiamoli là”, “prima gli italiani”. Io non le trovo queste cose. Trovo sempre la difesa degli ultimi” aggiunge ancora. (askanews)

Condividi!

Un commento

  1. Sarebbe cosa buona e giusta che Monsignor Mogavero espattriarse in Cina….li NON troverebbe Cattolici come il sottoscritto che paga tutte le tasse, aiuta con quello che puo’ chi ha veramente bisogno, senza essere per forza italiani,magari nepalesi,africani…ma NON gente che arriva in Italia per delinquere. Non sono d’accordo alle costruzioni di Moschee, alla trasformazione della CHIESA in dormitorio per musulmani vedasi don biancalani…

Rispondi