Marchisio rapinato in casa da 4 stranieri: “Hanno puntato la pistola al volto di mia moglie”

Momenti di terrore, ieri sera, per il calciatore Claudio Marchisio. L’ex centrocampista della Juventus e la moglie Roberta, intorno alle 19.30, si trovavano nell’abitazione di Vinovo dove la famiglia risiede da anni quando sono stati sorpresi e bloccati da quattro banditi armati e incappucciati.

Sotto la minaccia di due pistole e un cacciavite, Marchisio è stato costretto a consegnare ai malviventi denaro e gioielli. Non si conosce ancora l’ammontare del bottino, comunque ingente. I 4 rapinatori sono potuti poi fuggire a bordo di un’auto posteggiata all’esterno dell’abitazione. Marchisio ha subito contattato le forze dell’ordine.

I rapinatori, non di nazionalità italiana, dovevano conoscere molto bene il complesso residenziale. Per entrare, infatti, bisogna digitare dei codici numerici e tutta l’area è tenuta sotto controllo da un sofisticato sistema di videosorveglianza. Marchisio è tornato a vivere a Vinovo assieme alla famiglia dopo l’esperienza allo Zenit San Pietroburgo e l’addio al calcio giocato.

Nel pomeriggio lo stesso Marchisio ha pubblicato sui social un post con un finale amaro nei confronti di chi ha preso il pretesto del furto per fare battute da facili like: “Balordi, hanno puntato la pistola sul volto di una donna. E chi ricava battutine da questa storia è un poveretto”. (www.gazzetta.it)

Rispondi