Luigi Di Maio (M5S): ‘Mai con il Partito Democratico, sono ancora renziani’

Secondo il vicepremier Luigi Di Maio, il Partito Democratico di Zingaretti non è altro che la fotocopia del Pd di Renzi. Infatti l’esponente pentastellato ha affermato che il Pd è un partito rinato stanco che ha fatto delle proposte veramente assurde: per esempio, aumentare lo stipendio dei parlamentari, reintrodurre i vitalizi e ripristinare anche il finanziamento pubblico ai movimenti politici. “È rimasto il partito renziano, quello che fa da sponda a Cirino Pomicino”, lo ha affermato il ministro Di Maio in un’intervista al Quotidiano Nazionale, parlando di possibili alleanze per formare un’altra maggioranza di governo. Cosa improponibile allo stato attuale.

Luigi Di Maio ha poi precisato: “Noi vogliamo andare avanti con questo governo. Anzi le dico chiaramente che per quanto mi riguarda questo governo andrà avanti per altri quattro anni. Su questo non ci sono dubbi. È fondamentale abbassare i toni e concentrarsi sulle cose da fare. Sono tante e vanno fatte insieme, in maniera responsabile”.

Per il vicepremier grillino al Consiglio dei ministri che si terrà quest’oggi sarebbe fondamentale fare il punto della situazione con Salvini per “mettere ordine a tutto e portare presto in Aula salario minimo, decreto famiglia, flat tax, autonomia e legge per il taglio dei parlamentari”.

Fonte: askanews

Rispondi