Lamorgese apre a sanatoria: “Stiamo valutando di regolarizzare 700mila clandestini”

“L’intenzione del Governo e del ministero dell’Interno è quella di valutare le questioni poste all’ordine del giorno che richiamavo in premessa, nel quadro più generale di una complessiva rivisitazione delle diverse disposizioni che incidono sulle politiche migratorie e sulla condizione dello straniero in Italia” ha esordito la titolare del Viminale, Luciana Lamorgese.

Il ministro dell’interno ha annunciato che è intenzione dell’esecutivo Pd-M5s valutare un provvedimento straordinario di regolarizzazione degli immigrati clandestini già presenti in Italia. In parole povere, una grande sanatoria di massa, misura invocata a più riprese nelle recenti comparse televisive dalla stessa Bonino (+Europa).

La ministra ha citato l’ordine del giorno del 23 dicembre scorso, in sede di attuazione della legge finanziaria, con la quale il Governo “si è impegnato a valutare l’opportunità di varare un provvedimento che, a fronte dell’immediata disponibilità di un contratto di lavoro, consenta la regolarizzazione di cittadini stranieri irregolari già presenti in Italia, prevedendo, all’atto della stipula del contratto, il pagamento di un contributo forfettario da parte del datore di lavoro e il rilascio del permesso di soggiorno per il lavoratore”. Lo riporta La Repubblica.

Infine Lamorgese ha sottolineato che si tratta di circa 700mila fantasmi irregolari, che “magari, hanno un datore di lavoro pronto ad assumerli domani”. Quindi, chi vota Bonaccini (Pd) il 26 gennaio in Emilia-Romagna, vota per regolarizzare in Italia 700mila clandestini.

Condividi!

Un commento

Rispondi