Iraq, l’Isis rivendica tentata strage di italiani: “Colpiti i crociati”

L’Isis ha rivendicato l’attacco nel quale sono rimasti feriti cinque soldati italiani avvenuto intorno alle dodici e trenta di ieri, domenica dieci novembre.

Come riporta il Gazzettino, l’attentato è avvenuto nell’area di Palkana, a sud di Erbil, nel nord dell’Iraq, mentre era in corso un’operazione della task force 44 con i peshmerga curdi.

«Con l’aiuto di Dio, i soldati del Califfato hanno colpito un veicolo quattro per quattro con a bordo esponenti della coalizione internazionale crociata ed esponenti dell’antiterrorismo peshmerga nella zona di Kifri, con un ordigno, causando la sua distruzione e ferendo quattro crociati e quattro apostati».

E’ quanto si legge nel comunicato dell’Isis, diffuso attraverso l’agenzia di propaganda Amaq, con il quale lo Stato Islamico rivendica l’attentato di ieri contro i militari italiani e quelli iracheni.

Condividi!

Un commento

Rispondi