Immigrazione, Bergoglio: “Chi vuole i muri verrà sconfitto da invasioni potenti”

La xenofobia è definita da Papa Bergoglio come “una malattia umana, come il morbillo. E’ una malattia, ti viene, entra in un Paese, entra in un continente. E mettiamo muri, no? E i muri lasciano soli coloro che li fabbricano. Sì, lasciano fuori tanta gente, ma coloro che rimangono dentro i muri rimarranno soli, e alla fine della storia sconfitti per delle invasioni potenti“.

Il Pontefice ha parlato anche dell’Amazzonia. I “governanti stanno facendo di tutto per l’Amazzonia?”, la domanda di alcuni giornalisti. “Alcuni più, alcuni meno”, la sua risposta. Ma Papa Bergoglio ha sottolineato che “la lotta più grande è quella per la biodiversità“. La difesa dell’ambiente naturale la portano avanti i giovani che hanno una grande coscienza, perché dicono: “Il futuro è nostro”. (tgcom24.mediaset.it)

Rispondi