Il Pd vuole schedare gli agenti, la Lega si oppone: è rivolta nelle forze dell’ordine

Torna nuovamente la proposta di marchiare gli agenti di Polizia con il numero identificativo. Il Sindacato Autonomo di Polizia si è da sempre opposto a questo metodo non trasparente e che esporrebbe i colleghi a false denunce e strumentalizzazioni. Per contro, il SAP chiede allo Stato di dotare gli agenti di telecamere su divisa, auto di servizio e celle di sicurezza, quale strumento di trasparenza e verità. La Lega si è opposta alla proposta del PD.

Infatti: “Pronti, via: col Pd al governo meno attenzione per le Forze dell’Ordine e addirittura l’idea di schedarle con numeri identificativi su divise e caschi. La Lega non lo permetterà! Sempre al fianco delle donne e degli uomini in divisa: è necessario schedare i delinquenti, non chi rischia la vita per difendere gli italiani”. Lo dichiara il deputato leghista Nicola Molteni, già sottosegretario al ministero dell’interno nel precedente governo gialloverde. (Adnkronos)

Condividi!

3 commenti

  1. morto in Russia il metodo Komunista ,il governo semitalico vuol farlo risorgere qui da noi !!! x me son pazzi

    1. Purtroppo questa è L ‘amara verità
      Tanto tempo fa c’era chi avvertiva che sarebbe finita così ;😰 Ma nessuno gli ha dato retta e ancora oggi lo negano 😎

  2. stanno portando a termine quello che la massoneria italiana ,americana, europea e internazionale vuole da sempre : stabilizzare le nazioni ,portare alle guerre,..i poteri forti guadagnano sempre con le morti e distruzioni ,vogliono disfarsi della cultura europea ,sostituendola con quella di altri paesi , (africani, medio orientali, arabi, cinesi, bengalesi, ecc.) e anche la cultura cristiana, sostituendola con quella islamica..

Rispondi