Il Movimento 5 Stelle si deve incazzare (se non vuole scomparire)

Ogni scusa è buona per massacrare il Movimento. Anche le Olimpiadi invernali. Il vecchio regime è scatenato. Dopo le disastrose europee, vede la possibilità di annientare il Movimento e tornare a comandare. Distruggendo il Movimento il vecchio regime vuole dare una lezione a tutti i cittadini che hanno osato ribellarsi ai vecchi partiti e alle vecchie caste e lobby. Una lezione affinché non osino più alzare la testa perché alternative non ce ne sono e non ce ne devono essere.

Piuttosto che il Movimento, il vecchio regime preferisce in massa Salvini, anche da sinistra. Preferisce un politicante vicino all’ultradestra, preferiscono un partito retrogrado e con le mani sporche, ma che ha un grandissimo pregio, quello di essere vecchio. Con Salvini il vecchio regime pregusta la continuità, il ritorno alla destra e alla sinistra. Con Salvini premier e la Meloni ministra della famiglia, il mondo ex comunista che infesta giornali e televisioni e salotti buoni avrebbe la possibilità di ritrovare senso politico e quindi poltrone e potere. Tutti uniti a sventolare bandiere rosse contro il nuovo Mussolini xenofobo per cui hanno tifato fino al giorno prima.

Il Movimento deve reagire. La situazione è indegna di un paese civile. Le opposizioni politiche in Italia non esistono. Non esiste più il Pd e non esiste Forza Italia e tanto meno i Comunisti col Rolex, sono solo bande di trombati che passano il tempo a litigare sul nulla. Non esistono le opposizioni ma esistono i loro servi che infestano ancora le redazioni dei giornali e delle televisioni e che inquinano il dibattito pubblico di faziosità e menzogne contro il Movimento dalla mattina alla sera. È rimasta la propaganda di un regime che politicamente è marcito e per vendetta sta spianando la strada ad un’Italia in mano solo a Salvini. Sono disposti a tutto pur di distruggere il principale colpevole delle loro disgrazie, il Movimento 5 Stelle. Come se il Movimento fosse una banda di criminali e non il frutto più puro che ha espresso la democrazia italiana negli ultimi decenni.

Il Movimento è un anno che pensa solo a governare, è un anno che porta a casa risultati e si ritrova come se avesse speso il tempo a rubare e tradire le promesse e distruggere il paese invece che tentare di rimetterlo sulla retta via della legalità e della giustizia sociale. Il Movimento si deve incazzare. Viste le disastrose europee, se continua a subire in questo modo non è escluso che la gentaglia reduce dal vecchio regime ce la faccia nel suo intento. Hanno troppi soldi, troppi agganci, troppi sguatteri nelle posizioni chiave e troppo pelo sullo stomaco. È illusorio appellarsi alla loro onestà e professionalità, se sono in quei talk-show o in quei giornali è proprio perché sono disonesti e faziosi fino al midollo.

Basta subire, basta limitarsi a lagnarsi sul blog per il fango ricevuto. Il Movimento deve andare oltre il blog, deve crearsi degli spazi d’informazione e di opinione in cui perlomeno si racconti la verità ai cittadini. Altro che mettere la museruola a Di Battista, ce ne vorrebbero dieci come lui che scrivono e che vanno in televisione tutti i santi giorni e che girino per il paese di continuo. Se non vuole scomparire, il Movimento si deve incazzare.

Fonte: Tommaso Merlo

Rispondi