Giorgetti attacca il premier Conte: ‘Non è una persona di garanzia, governo paralizzato’

Giancarlo Giorgetti, Lega

Quelli del M5S “ci fanno opposizione e Conte non è più super partes. Ormai il governo è paralizzato”. Se non è una mazzata poco ci manca: ad affermarlo è il leghista Giancarlo Giorgetti intervistato da La Stampa. Il sottosegretario non è solo uno dei più ascoltati dirigenti leghisti, ma anche l’uomo del Carroccio nelle stanze di Palazzi Chigi. E le sue parole, c’è da giurarci, faranno sicuramente rumore. 

Le critiche di Giorgetti al Movimento 5 Stelle sono decise e perentorie: “Loro con i punti fermi non aiutano a risolvere i problemi, il Paese ha bisogno di sbloccarsi e loro hanno posizioni, magari legittime dal punto di vista ideologico, ma troppo ideologiche”. Sul presidente del consiglio Giuseppe Conte, Giorgetti dice: “Conte ha cercato e cerca di interpretare un ruolo di mediazione che non può essere solo quello dei buoni sentimenti. La sensibilità politica lui non ce l’ha e quando lo scontro si fa duro ed è chiamato a scendere in campo fa riferimento alla posizione politica di chi lo ha espresso. Non ha i pregiudizi ideologici del mondo grillino. Ma lui non è una persona di garanzia. È espressione dei Cinque Stelle ed è chiamato alla coerenza di appartenenza”. Poi l’affondo: “La lealtà di Salvini con Di Maio è irragionevole”.

Fonte: Today

Rispondi