Divieto di ingresso nelle acque italiane per la nave “Alex” con 54 naufraghi a bordo

Il provvedimento firmato dai ministri dell’Interno Matteo Salvini, della Difesa Elisabetta Trenta e dei Trasporti Danilo Toninelli. Gli sbarchi su Lampedusa intanto non si fermano: prima sono state soccorso 55 persone e poi è arrivato un barchino con 14 migranti

Il “copione” ormai sembra essere lo stesso, identico. E’ stato notificato nella notte, il divieto di ingresso nelle acque italiane alla nave Alex della ong Mediterranea che si trova a 12 miglia da Lampedusa con 54 migranti a bordo, tra cui donne e bambini. Il divieto è firmato – secondo quanto riporto l’Adnkronos – dai ministri dell’Interno Matteo Salvini, da quello alla Difesa Elisabetta Trenta e dal ministro dei Trasporti Danilo Toninelli.

Già ieri sera, il capo del Viminale aveva detto: “C’è una barca in acque maltesi, secondo voi che porto hanno chiesto? Anche se fossero in Groenlandia chiederebbero Lampedusa. A questi non interessa il porto vicino più sicuro, questi fanno politica”.

Intanto, dopo il soccorso della Guardia di finanza e della Guardia costiera e lo sbarco di ieri sera di 55 persone – fra cui 22 donne, due delle quali incinte, – gli approdi su Lampedusa non si fermano. Dopo la mezzanotte è arrivato direttamente in porto un barchino con a bordo 14 migranti. 

I 55 soccorsi a circa 2 miglia dalla costa hanno dichiarato di essere originari della Costa d’Avorio, della Guinea e del Cameron.

Fonte: Agrigento Notizie

Rispondi