Brindisi, africano espulso da centro di accoglienza: aggredisce direttrice e carabinieri

BRINDISI – Viene espulso dal Cara e prima si scaglia contro la direttrice del centro e poi aggredisce i carabinieri: è successo a Fasano, comune nel brindisino, in Puglia, dove un ventunenne originario della Liberia, tale Vafee Kaba, ha dato in escandescenze dopo aver ricevuto la notifica di un provvedimento di revoca di accoglienza presso un centro della zona.

Come riporta canale85.it, il giovane, in preda alla collera, ha strattonato e offeso la responsabile del centro di accoglienza. Successivamente si è introdotto con forza all’interno della struttura e ha minacciato e spintonato anche due carabinieri del Norm della locale compagnia che erano intervenuti su richiesta della stessa direttrice, provocando loro lievi lesioni. Il ventunenne, quindi, è stato arrestato in flagranza di reato per resistenza, violenza, minaccia e lesioni a pubblici ufficiali e violazione di domicilio. Di concerto con il pubblico ministero di turno del tribunale di Brindisi, l’africano ora è in galera.

Condividi!

Un commento

  1. Ospitare. Educare. Ma rispetto delle forze dell’ordine e specialmente la direttrice que lo accoglie. Dare esempio. Rigorista. Se ci vuole va in prigione come tutti. Il comportamento cambia con le punizioni adeguate.

Rispondi